Numero 13 dell’ottobre 2013

Siamo partiti dalle piazze dell’”Amare” ragazzi-festival-filosofiadel festival filosofia per impostare il nostro giornalino.
È stato un evento molto importante per la nostra città che ha coinvolto e fatto riflettere migliaia di cittadini.
Non tutti però: ai margini qualcuno è stato dimenticato.

Guarda e leggi la prima pagina

Il tema dell’amore in carcere, oltre la privazione a cui ha accennato la prima pagina, ha anche un versante oscuro, legato alla violenza che a volte si compie in sua vece o in suo nome, soprattutto su donne e minori. In carcere c’è una sezione, quella dei “protetti”, in cui sono rinchiusi coloro che si sono macchiati di questi delitti.

Leggi la seconda pagina

Si scrive molto in carcere. È nella tradizione. Nella scrittura si trova un rifugio, ma anche la possibilità di dare una forma al proprio dolore, a volte al rimorso o alle attese che si hanno.
La scrittura diventa così una ricerca di sé e della possibilità del cambiamento soprattutto interiore.
Nella colonna di destra abbiamo sempre messo una canzone. Stavolta ci sono le parole piene di pathos di un ragazzo che si rivolge a Dio. Sono parole che attendono la musica e una voce che le canti.

Leggi la terza pagina

La quarta pagina, come al solito, riporta alcune voci da dentro.

Leggi la quarta pagina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *