Ulisse – n° 4 maggio 2015

Ulisse – Il giornale della Casa Circondariale S. Anna – n. 4

IMMAGINE

Ma il carcere, questo carcere, è realmente in grado di responsabilizzare le persone, di renderle migliori?

È una domanda che ci poniamo con sempre maggiore insistenza in redazione. Fin dal foto 3-1primo numero del nostro piccolo giornale ci siamo posti il problema e abbiamo notato che non solo in questo reparto, ma nel carcere di S. Anna e in tutte le carceri italiane si fa largo uso di parole come “umanizzazione della pena”, “responsabilizzazione del detenuto”, “rieducazione”. Notavamo anche che a volte queste parole sono pronunciate con un tono che non ci piace, ma il fatto che girino e siano discusse è certamente positivo.

Abbiamo allora invitato le persone che lavorano nel giornale a riflettere sulla propria storia per vedere in che modo la vita del carcere e nel carcere abbia influito sulle loro scelte interiori, sulle loro decisioni, (le scelte esteriori che possono fare purtroppo sono minime, ristrette come sono).

Ci hanno provato in quattro, con vicende e sensibilità molto diverse tra loro. Guardatele, ne vale la pena.

Per sfogliare il giornale clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *