Ulisse – n° 5 luglio 2015

Ulisse – Il giornale della casa circondariale S- Anna – n. 5

La rabbia

Ce n’è tanta qui in carcere, la si ode a volte nelle Mati buonaurla scomposte che giungono da corridoi lontani o nelle sbarre batture, la si vede nel rosso del sangue che sgorga da ferite che un detenuto si autoinfligge o rimane chiusa ermeticamente in silenzi interminabili, in sguardi duri, in pallori dovuti al rifiuto del cibo…
È spesso una rabbia cattiva, che ti fa abbassare la testa e segna una tua sconfitta, ti fa tremare, piangere e basta.
Ma, stranamente forse, esiste anche una rabbia buona, attiva, costruttiva, che fa i conti con il dolore, quello proprio anzitutto, ma poi quello dei familiari, fino a quello delle vittime.
Sono emerse ambedue negli scritti delle persone che hanno accettato di mettersi in gioco riflettendo a voce alta o scrivendo la propria storia.

Per sfogliare il giornale clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *